ITA
ENG
  L'invasione dell'azzardo legale in Italia: viaggio in un contagio sociale, politico, mediatico e culturale  

Cosa saresti disposto a perdere
per vincere?

Il film

"Vorrei una vigna per produrci il vino, io sogno un parco per il mio bambino, di un grande film sarò il produttore, voglio champagne ghiacciato a tutte le ore, darò ai miei figli un futuro splendente, della mia squadra farò il presidente, con un sistema in ricevitoria si sistema la mia compagnia. Un milione a Giulio, un milione a Maria, voglio fondare la mia scuderia, faccio una follia, ti prendo e ti porto via. Lasciatemi sognare, con la schedina in mano. Lasciatemi sognare, sono un italiano."
(Spot SuperEnalotto – Sisal)

"Gioca il giusto!"
(Campagna Gioco Responsabile – Sisal)


L’Italia è sotto attacco. L’invasore non è uno Stato estero. Il nemico non ha un volto facilmente riconoscibile, ma la sua presenza è ormai talmente forte e radicata, che viene quasi considerato un alleato dal governo italiano. E’ il gioco d’azzardo legalizzato, una macchina perfetta che lavora a più livelli, e che nell’ultimo anno ha succhiato agli italiani 100 miliardi di euro. [continua...]

Il film

Succhiati si, ma spontaneamente. Perché non è solo una questione di denaro. Sembra una tassa invisibile e volontaria, una tassa del popolo. L’invasione si sviluppa a livello economico, ma anche territoriale, politico, sociale, mediatico e culturale. E’ un circolo vizioso, che coinvolge tutti questi aspetti e li modifica per il fine massimo: il profitto. Ma un profitto di pochi, in contrasto alla sofferenza e alla povertà di molti, troppi. Perché indubbiamente l’unico modo certo e accurato di guadagnare con il gioco d’azzardo è solo uno: gestirlo.

close

Prossime Proiezioni

Le prossime date di Vivere alla Grande:

20 Luglio

Como

ore 14:00

Sala Stemmi

29 Luglio

Vico Equense (NA)

ore 17:00

Museo del Cinema
(In concorso nella sezione documentari
del Social World Film Festival)

[Precedenti proiezioni...]

Precedenti proiezioni

--- 2015 ---
13 e 14 Agosto – Festival del Film Locarno
12 e 20 Settembre – Milano Film Festival
14 Ottobre – Trento – Cinema Astra
11 Novembre – Senigallia – Cinema Gabbiano
12 Novembre – Fano – Cinema Politeama
14 e 15 Dicembre – Bari – Cinema Splendor
--- 2016 ---
23 e 24 Gennaio – Caccamo (Palermo) – Basilica di Caccamo
3 Febbraio – Caserta – Cinema Duel
6 Febbraio – Pisa – Ex Convento Cappuccini
9 Febbraio – Carpi – Cinema Corso
12 Febbraio – Garbagnate Monastero (Lecco) – Sala Consiliare
19 Febbraio – Noventa di Piave (Venezia) – Teatro San Mauro
20 Febbraio – Monastier di Treviso – Centro Polivalente
21 Febbraio – Limena (Padova) – Sala Falcone Borsellino
22 Febbraio – Vicenza – Cinema Primavera
18 Marzo - Palazzolo Acreide (Siracusa)- Sala Verde
20 Marzo - Gela (Caltanissetta) - Cine Teatro Antidoto
22 Marzo - Mogliano Veneto (Treviso) - Cinema Teatro Busan
23 Marzo - Padova - Cinema Esperia
1 Aprile - Modugno (Bari) - Teatro G. Fava
5 Aprile - Alessandria - Multisala Kristalli
5 Aprile - Tortona (Alessandria) - Multiplex Stardust
6 Aprile - Acqui Terme (Alessandria) - Cinema Ariston
12 Aprile - Lanciano - CiakCity Cinema
13 Aprile - Scandiano (RE) - Cinema Teatro Boiardo
15 Aprile - L'Aquila - Cinema Movieplex
18 Aprile - Mantova - Cinema Mignon
19 Aprile - Romano D'Ezzelino (VI) - Sala Comunale
20 Aprile - Cittadella (PD) - Sala Emmaus
21 Aprile - Roncade (TV) - Sala Consiliare
22 Aprile - Porto Tolle (RO) - Sala della Musica
26 Aprile - Rimini - Cinema Settebello
27 Aprile - Senigallia (AN) - Cinema Gabbiano
28 Aprile - Bologna - Cinema Perla
29 Aprile - Potenza Picena (MC) - Cinema Divina Provvidenza
3 Maggio - San Giorgio su Legnano (MI) - Sala Consiliare
4 Maggio - Bari - Cinema Esedra
12 Maggio - Andria - Cinema Roma
19 Maggio - Tremezzo (CO) - Parco Teresio Olivelli
20 Maggio - Zogno (BG) - Cinema Trieste
24 Maggio - Altamura (BA) - Cinema Grande
25 Giugno - Corigliano D'Otranto (LE) - Castello De Monti

close

Vuoi organizzare una proiezione nel tuo cinema? Promuovere il dibattito sul problema del gioco d'azzardo in Italia attraverso la tua associazione, il tuo comune, la tua scuola, università, azienda, circolo o dovunque pensi possa esserci un pubblico interessato al tema?

Contattaci su info@vivereallagrandeilfilm.it

Materiale stampa

Dopo tre anni di ricerche, discussioni, documentazioni, raccolta di materiali audio e video, chiacchierate (lo preferiamo al termine "interviste") con medici, esperti, attivisti sul campo e giocatori patologici, siamo riusciti a costruire un punto di vista preciso, incisivo e soprattutto una visione globale del fenomeno "gioco d’azzardo legalizzato".

Per ottenerla, è stato necessario realizzare però un’ampia analisi. Un’analisi che ci ha portato ad approfondire tre grandi contesti cardine e dipendenti l’uno dall’altro (contesto politico/economico, mediatico e socio-culturale), i quali mostrano le assurdità, i paradossi e le nefandezze che caratterizzano il gioco lecito nel Bel Paese, creando uno spaccato perfetto per raccontare l’ultimo ventennio italiano e una crisi economica, sociale e culturale, che sembra quasi pianificata dall’alto, a tavolino.

Scarica la versione completa del Dossier [pdf]
Scarica il Press Book del film [pdf]
Scarica la locandina ufficiale [jpg]

UFFICIO STAMPA - Carmen Cafarella
carmencafarella@vivereallagrandeilfilm.it
carmen.cafarella@gmail.com
+39 3294057070

Motivazioni

Parlare di gioco d’azzardo nel 2014 potrebbe risultare "di moda", dato che ultimamente si ascoltano voci giornalistiche gridare allo scandalo in tv. Ma il tema viene trattato allo stesso modo con cui i mass media trattano qualsiasi altro argomento, ovvero con distacco. Parlano di numeri, di quanto l’azzardo legale frutti allo Stato, o alle aziende che lo gestiscono, di quanti giocatori patologici si ammalano di "ludopatia" (un termine giornalistico che fa ribrezzo, perché l’aspetto ludico qui non c’entra proprio nulla) o magari facendo andare in tv l’incappucciato condannato davanti ad un muro, a raccontare quanti soldi ha buttato via, quando dietro magari si nascondono molto più che semplici cifre di denaro. Ma soprattutto dove erano quegli stessi giornalisti, quando già nel 2009 la crisi attanagliava la popolazione italiana, la quale iniziava già da allora a riversarsi in modo maniacale nelle tabaccherie?

[continua...]

Motivazioni

Appoggiati a quei muri ho visto anziani, disoccupati, pensionate, ragazzini che sarebbero dovuti essere a scuola, insomma persone comuni che utilizzavano il loro tempo in questo modo. All’inizio non badavo tanto alla quantità di soldi che spendevano, quanto più all’enorme mole di tempo che impiegavano in quell’attività. Tempo rubato alle loro vite. Mi chiedevo se non avessero di meglio da fare, mi chiedevo chissà cosa avrebbero potuto realizzare nella loro vita, se solo avessero dedicato tutto quel tempo, quella passione, quegli sforzi in un’attività costruttiva e di comune utilità per la società. E di conseguenza quante altre persone avrebbero potuto beneficiare di quegli sforzi e di quel tempo invece malauguratamente buttato via a rincorrere un’ipotetica vincita di denaro.

Ho osservato queste persone per due anni, e ne trovavo sempre di più. Ma è nel 2011 che un episodio che ho ritenuto agghiacciante, e che ritengo tuttora tale, ha modificato completamente il mio modo di vedere il fenomeno dell’azzardo legale, lecito e quasi venerato. La vigilia di Natale c’è il classico scambio di regali tra amici e parenti. In quell’anno e in quel Natale una signora, un’amica di famiglia, decise di regalare una busta misteriosa ad una ragazzina di 16 anni. La ragazzina aprì curiosa la sua busta e dentro ci trovò cinque Gratta & Vinci da 10 Euro, pronti per essere grattati assieme alla signora, la quale pregò la ragazzina di farlo subito, attraverso un determinato rito che la stessa perseguiva. La tristezza di quel momento fu per me causa di mobilitazione. Scoprire cosa stava succedendo alla società italiana diventò un’urgenza che ormai vedevo, sentivo e vivevo troppo spesso e in troppe situazioni di "vita sociale", che a stento poteva ormai essere definita tale. Sentiamo che questa storia ha bisogno di essere raccontata perché proprio le persone che con l’azzardo legale hanno rovinato la propria vita, ce lo chiedono. Hanno voglia di urlare, di testimoniare, di scoprire se la colpa è solo la loro o se magari qualcuno ha incentivato la loro tragedia personale. Ma soprattutto hanno voglia di aiutare chi magari potrebbe cadere nei loro stessi errori. E non vogliono farlo attraverso i numeri che sentiamo ai telegiornali, ma vogliono farlo raccontando le loro storie, perché i numeri si dimenticano in fretta, una storia che emoziona e tocca sentimenti comuni a ognuno di noi, resta più impressa nella memoria collettiva.

close

Trailer

Guarda il trailer

Le musiche

U’Papun

"Al primo ascolto si prova grande sorpresa e un pizzico di disorientamento,
poi pian piano ci si arrende all’orecchiabilità e alla feroce ironia dei testi,
che contengono critiche corrosive alla società dei consumi e dello spettacolo."

(L’isola della musica italiana - Magazine)


Un viaggio tra diversi stili musicali mescolati con originalità per raccontare vizi e virtù di una società al limite del surreale.
Gli U’Papun sono i compositori della colonna sonora originale del documentario "Vivere alla Grande".
Videoclip del brano Signora Fortuna.

Visita il loro sito web e ascolta la loro musica sul canale Youtube.

I partner

Vivere alla Grande riceve il sostegno e l'importante partecipazione di:

  • Foto di scena 1

    • Foto di scena 2

      • Foto di scena 3

        • Foto di scena 4

          • Foto di scena 5

            • Foto di scena 6

              • Foto di scena 7

                • In giro per il Bel Paese

                  • Ritagli

                    • Marco dal Maso - Mind the g.a.p.

                      • GEC Art

                        • Campagna Monopoli di Stato CONTRO il gioco minorile

                          • Varie

                            Raccolta fondi

                            E’ stato possibile realizzare questo film solo grazie a una raccolta fondi sul web che ha permesso di raccogliere i 7.000 euro necessari agli spostamenti e alle spese della troupe per le due settimane di riprese.

                            Per approfondire consulta la voce "Rassegna stampa" e clicca in alto sul logo di "Produzioni Dal Basso".

                            Chi siamo

                            Fabio Leli - 14/09/1986 – regista, autore e produttore: Dopo la laurea in comunicazione nel 2009 e il diploma in regia e sceneggiatura all’Accademia di Cinema e Televisione Griffith di Roma, Fabio Leli scrive e dirige i primi cortometraggi. Lavora come aiuto regia e sceneggiatore per diversi progetti italiani e internazionali. Nel 2014 scrive e dirige The Social Networld − A Love Story, pluripremiato cortometraggio presentato all’Isituto Italiano di Cultura Roberto Rossellini di Los Angeles. Nel 2015, completa il suo primo lungometraggio Vivere alla Grande, presentato in anteprima mondiale al 68° Festival del Film Locarno e al 20° Milano Film Festival in anteprima nazionale.

                            Carmen Cafarella – giornalista, contact manager: Laureata in Lettere - Editoria e Giornalismo, collabora con alcune testate online e radio locali. Gestisce un blog d’informazione giornalistica e ha da poco ottenuto l’iscrizione all’albo dei Giornalisti Pubblicisti.

                            Giampaolo Magnani e Simone Marchi: Operatori di macchina

                            Alberto Ladduca: Fonico di presa diretta

                            Note di regia

                            Vivere alla Grande è il sogno di ogni giocatore d’azzardo. Vivere alla grande è il titolo di questo documentario. Ma Vivere alla Grande è anche il nome di un Gratta & Vinci realmente esistente, che promette una vincita di 500.000 Euro subito, più 10.000 Euro per vent’anni, più 100.000 Euro di bonus finale. Chi non sarebbe attratto dallo sperare una vincita simile? Vivere alla Grande è quindi soprattutto la speranza di poter risolvere la propria vita con il passaggio di una monetina sulla carta argentata di un biglietto di carta. Purtroppo la speranza può essere un’astuta trappola organizzata da chi quel biglietto l’ha creato, perché la probabilità di effettuare quella vincita, risiede solo in 5 biglietti. Cinque biglietti su 30 Milioni di biglietti. Ma purtroppo questo sul biglietto non c’è scritto.

                            Il progetto di documentario "Vivere alla Grande" nasce proprio con l’intento di informare e raccontare il grosso inganno che subiscono ogni giorno milioni di persone in Italia. Ma non con la pretesa di imboccare lo spettatore con noiosi dati e numeri, ma articolando le informazioni in una storia, cercando di far comprendere ciò che accade sotto i loro occhi, nella maniera più gradevole e attraente possibile.

                            Contatti

                            Per qualsiasi domanda, richiesta o curiosità sul film scrivi a

                            info@vivereallagrandeilfilm.it

                            http://www.humantree.eu

                            produzioni.humantree@gmail.com
                            tel. 349/1292936


                            "Il gioco d’azzardo è il miglior modo
                            per ottenere nulla da qualcosa"


                            Wilson Mizner

                            Credits - Vivere alla Grande

                            Una produzione Human Tree S.r.l.s.
                            In collaborazione con Banca Etica, Libera Puglia e Compagnia Sharazad
                            Montaggio Audio/Video Armando Avolio Fabio Leli
                            Operatori Macchina Italia Giampaolo Magnani Simone Marchi
                            Operatori Macchina Puglia Fabio Leli Luca Desiderato
                            Fonico di Presa Diretta Alberto Ladduca
                            Collaborazione giornalistica e alla produzione Carmen Cafarella
                            Musiche Originali U’Papun
                            Traduzione Inglese Serena Franchino e Rare Swan Press (Renée Sigel & Clara Ballerini)
                            Contributi Grafici Mirko Lapomarda
                            Foto Poster e Realizzazione Locandina Alberto Peconio Giorgio Frasca Giovanni Fornarelli Fabio Leli
                            Realizzazione sito web Roberto Leli
                            Scritto, prodotto e diretto da Fabio Leli